È quanto emerge dalla comunicazione inviata a sindacati e ministero del Lavoro. “Segnali preoccupanti – ha detto Cristiano Ardau, di UilTucs – speriamo solo che si tratti di un passaggio per il rilancio e non dell’anticamera del licenziamento”. Il gruppo: “Queste non sono aperture di mobilità”